smagliature-da-gravidanza

Cosa sono le smagliature e perché compaiono in gravidanza

Al primo stadio una smagliatura è un’infiammazione del tessuto all’interno del derma (infatti si presenta rossa), provocata da una tensione troppo veloce della pelle, la quale non ha avuto il tempo di dilatarsi in modo graduale.

Allo stadio successivo, se non trattata tempestivamente, tende a lasciare un residuo cicatriziale permanente di colore bianco.

Purtroppo sono diverse le fasi della vita di una donna in cui esse possono comparire, una di queste è la gravidanza.

smagliature-gravidanza

Smagliature gravidanza

Questo periodo è magico per molte madri, ma spesso gli stralci rilasciati da esso, hanno un effetto visibile sul corpo.

E’ chiaro che a nessuna donna fa piacere avere degli inestetismi sul corpo e le smagliature non fanno eccezione, purtroppo però è un fenomeno difficilmente controllabile al pari degli altri sintomi della gestazione.

Esistono fattori genetici e anche ormonali che rendono la donna sensibile alla formazione delle smagliature, un primo avvertimento è dato durante la fase della pubertà o in seguito ad un rapido aumento di peso.

Se in questi periodi, la donna tende a sviluppare le smagliature allora è bene prendere subito dei provvedimenti durante i 9 mesi d’attesa: nei primi mesi il rischio è minore dato lo scarso peso del feto, ma dalla 28esima settimana in poi (a volte anche prima in caso di gestanti con sovrapproduzione di liquido amniotico) comincia a crescere vertiginosamente, settimana dopo settimana, e questo è deleterio per la salute della pelle che si ritroverà a tendersi al pari della crescita del bimbo.

La gravidanza infatti, porta non solo alla crescita enorme della pancia ma anche ad un’alterazione ormonale con un eccessivo rilascio di relaxina, la quale altera il tessuto elastico del derma.

Come comportarsi quindi e preservare la bellezza della propria pelle?

smagliature-gravidanza

Smagliature gravidanza

Come prevenire le smagliature in gravidanza

La prevenzione è importante.

Esistono in commercio molteplici prodotti che vanno a idratare la pelle, rendendola oleosa, elastica e resistente alla costante tensione.

Approfondendo questo argomento è bene non cominciare a usare questi prodotti troppo tardi, altrimenti non avrebbero alcuna resa effettiva.

Già dai primi mesi della gravidanza infatti, è importante cominciare ad utilizzarli per preparare la pelle ad improvvise crescite.

Per l’acquisto è bene controllare gli ingredienti e che abbiano al loro interno la vitamina E e gli elasticizzanti.

Anche gli oli vanno bene, grazie alla loro corposità e al loro principio lubrificante. Assolutamente sconsigliato è l’olio di mandorle, grande mito sfatato negli ultimi anni; questo prodotto infatti dona elasticità alla cute ma ne occlude tutti i pori. Il risultato è un’infiammazione e quindi una follicolite.

Le aree di interesse non sono sola la pancia ma tutte quelle tendenti alla formazione di smagliature; quindi seno e fianchi in primis.

Non meno importante è il fattore alimentazione; ingrassare più del dovuto è sconsigliato da tutti i ginecologi perchè fa male alla mamma e al bambino, inoltre è un fattore di rischio per questo tipo di inestetismo. Il segreto è mangiare bene bere tanto e fare un’attività leggera.

Smagliature gravidanza

Smagliature gravidanza

Come curare le smagliature dopo la gravidanza

Vi sono casi in cui nonostante una certa attenzione, le smagliature arrivano sicure di non andarsene più.

In questo caso niente paura, fin quando le smagliature sono ancora rosse è possibile ridurre il fenomeno con diversi trattamenti.

Esistono attualmente sul mercato diverse creme contro le smagliature, esse hanno come principi attivi diversi nutrienti con l’obiettivo di andare a idratare la pelle lesa.

Per quanto riguarda i trattamenti medici, sono diversi:

  • Peeling profondo, il termine medico è microdermoabrasione. Questa tecnica permette di esfoliare forzatamente la smagliatura tramite un getto di microcristalli di allluminio, permettendo la rigenerazione cutanea.
  • Laser resurfacing è il trattamento a cui tutte le donne pensano di ricorrere appena notano una smagliatura, esso propone la cancellazione della cicatrice grazie alla stimolazione della produzione di collagene ed elastina, ma necessita di molti trattamenti dispendiosi . Inoltre la resa non è assicurata, specialmente per le strie profonde e bianche.
  • Fototermolisi frazionata, al pari della precedente vuole stimolare la sintesi di elastina e collagene.
  • Carbossiterapia, si tratta di un trattamento con iniezioni sottocutanee di anidride carbonica medicale, per ossigenare il derma.
  • Biodermogenesi, ad oggi unica soluzione che da grandi risultati e non e invasiva. Biodermogenesi migliora l’elasticità del tessuto, aumentando il quantitativo di collagene ed elastina; tutte le casistiche trattate fino ad oggi hanno dimostrato un riempimento del solco della stria minimo del 72% fino al 100%. Inoltre è l’unico trattamento che fa abbronzare le strie, anche quelle più bianche.

Le soluzioni per questo inestetismo fino ad oggi molto temuto le “SMAGLIATURE” esistono basta qualche piccolo gesto giornaliero e affidarsi a centri qualificati che sappiamo migliorare la qualita della vita di queste neo mamme, che a fronte di questa gioia immensa diventa un inestetismo di poco conto.

Non arrendiamoci e ricordate sempre che “LA BELLEZZA E’ UN DONO MA ANCHE UNA CONQUISTA!”

Contattaci per una consulenza gratuita!

Categorynews, smagliature

Seguici su: